Cv/Bio

Angelo Zani (Reggio Emilia, 1949), laureato in ingegneria nucleare nel 1976 si è occupato prevalentemente di pianificazione territoriale e protezione civile e, in questi campi, ha diretto progetti di livello nazionale e internazionale. In ambito artistico si è dedicato a musica, pittura, scultura e, negli ultimi anni in particolare, all'abbellimento di edifici pubblici. Sono sue le opere in ferro che decorano la facciata della scuola materna di Nave San Rocco (TN), la scultura in acciaio (alta sei metri) antistante la stazione dei vigili del fuoco di Pozza di Fassa, due quadri ad olio di grandi dimensioni per il Nuovo Teatro Comunale di Pergine Valsugana e per l’atrio della residenza per anziani APSP "Redenta Floriani" di Castel Ivano, 2019. Recentemente, "The secret of life", un opera in ferro costituita da sei alti lampioni in acciaio antistanti l'ingresso della scuola materna di Martignano (TN) (in fase di realizzazione).

 

Ha ottenuto anche significativi riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali d'arte contemporanea: "Premio di Afrodite" (Vicenza, 2010); "Premio Giorgione" (Città di Castelfranco Veneto, 2010); "Expectations", 2010 - presso "Collegium Hungaricum" (Berlino) e "No Longer Empty" (New York) su tema curatoriale di Manon Slome, alla 19a Biennale Nazionale di Pittura Città di Soliera (segnalazione speciale della giuria); finalista del "55esimo Premio Basilio Cascella", Museo Civico di Arte Contemporanea di Ortona (CH), di Salerno in Arte "Rifiuti in cerca d'Autore", al complesso monumentale di S. Sofia, finalista di Premio Arte (Cairo Editore) esponendo al Museo della Permanente di Milano con diploma d'onore e inserimento nel "Catalogo Mondadori dell'Arte Moderna". Finalista anche di "Celeste Prize 2011", Exhibition presso "The Invisible Dog," Brooklyn, New York, con "Because the living can't remember the eyes of" (opera che sarà acquisita dalla Fondazione Museo della Shoah per il futuro allestimento del Museo di Roma). Menzione speciale per "The Observer", fotografia finalista di "Bop Decameron 2013" (Omaggio degli artisti a Giovanni Boccaccio) Comune di Certaldo, il logotipo vincente e il nome della piscina comunale di San Lorenzo in Banale (TN). Vincitore di Premio Terna 06, terzo posto nella sezione pittura, opera esposta all’Archivio di Stato di Torino nel 2015, nell'ambito di Contemporary Arts. Realizzazione di due istallazioni per il giardino della Casa di cura Villaverde a Reggio Emilia:"La Fontana dei Profumi" 2015 (Asphalatos) e "Il ciclo della vita", 2016. Disegno del logotipo per la nuova unione di Comuni di Predaia (TN), 2017.

catalogo "Meditazioni"

Angelo Zani (1949) got a University degree in Engineering in the late 70s; he practices his job in the field of territorial planning, civil protection and creative engineering. He has been the manager of national and international projects and has published over 50 scientific articles and monographic studies. He is a musician, too. Since 2010 he has gained several recognitions in national and international art contests. He has recently made iron art works for public buildings.