Non sto fuggendo, sto facendo poesia in movimento (Autoritratto)

Fotografia Digitale, stampa su alluminio 80x60x2cm, 2014.

 

Published on

2014 / Visible White

Celeste Network

 

The Observer

Fotografia Digitale, stampa su forex, 36x24x1cm, 2013.

BOP Decameron (Omaggio degli artisti a Giovanni Boccaccio in occasione del settimo anniversario della nascita). Iniziativa del Centro Pecci di Prato e del Comune di Certaldo

Opera Selezionata: Menzione speciale.

 

Selected by

Marco Bazzini

 

Published on

2013 / Bop Decameron

Celeste Network.

 

Exhibited at

Palazzo Pretorio di Certaldo (FI)

11 luglio - 1 settembre 2013.

 

Vinceremo?

Installazione, 70x50x15cm, 2012.

Tavola di base in PVC su cui è fissato un foglio di carta che rappresenta uno specchio d’acqua, dipinto con crete secche. La scritta “THE END” è realizzata con mosche da pesca. A sbalzo il simbolico FLIT SPRUZZATORE DDT “VITTORIA”, residuato d'antan, con cui nel Ventennio furono compiute massicce campagne di bonifica degli ambienti. 

 

 

Published on

Catalogo “Meditazioni”, Angelo Zani Nuova edizione 2014. 

 

Exhibited at

Arti Visive “Città di Pianoro

8 - 22 dicembre 2012

“La loggia della Fornace”

Rastignano, Bologna (BO)

 

The PVC table , painted with dry chalks, represents a water mirror where all the flies for fishing lie forming the message: THE END. Below the flies the DDT “VITTORIA” FLIT dates back to the times when it was used to reclaim the land, carelessly of its noxious side effects. A silent process of insects extinction has been going on for a few decades. It has sped up so much recently that it can be considered as an ecological disaster. That is the simboli subject of this work along with a warning for the need to take care of our “friends” and the environment that we share. Just because in the future the Nature might be as unconcerned about flies dying out as about the homo sapiens extinction.

 

La sparizione degli insetti, forse non imminente ma in nuce da qualche decennio, si è oggi enormemente accelerata e può considerarsi paradigmatica di una futura estinzione. Questo il tema simbolico dell’opera. La sparizione degli insetti si è tal punto accelerata da far parlare, oggi, di catastrofe ecologica. Da qui la necessità di prenderci “cura dei nostri compagni di viaggio” e dell’ambiente che “ci accomuna”. Questo perché alla Natura potrebbe non interessare se ad estinguersi sarà solo un tafano o anche l’homo sapiens.

 

Fermate il tempo che sono stanco

(omaggio a Wandrè).

 

Exhibited at

Mostra antologica sulla vita e le opere di Antonio“Wandrè” Pioli

11 aprile - 4 maggio

Ex-Mobilificio Musiari e Centro Cultura del Comune "Multiplo" - Cavriago (RE).

(Collezione privata)

 

Antonio Vandrè (Wandrè) Pioli was born in Cavriago June 6, 1926 and died August 15, 2004. He was partisan, foreman, eclectic artist and the most revolutionary luthier of the past century. He transformed the Italian electric guitar into a work of pop art. His works are sought after around the world. This work was carried out in his memory, with scraps of violin making, guitar strings, clock's gears, musical scores and dry chalks on paper and forex, 70x50x3cm, 2014.

 

Wandrè nasce a Cavriago (1926 – 2004), partigiano, capomastro, artista eclettico nonché il liutaio che ha trasformato la chitarra elettrica italiana in un’opera d’arte pop. Quest’opera è stata realizzata in sua memoria, con sfridi di liuteria, corde di chitarra, ingranaggi d'orologio, partiture musicali e crete secche su carta e forex, 70x50x3cm, 2014.

Strèli

Opera costituita da partitura musicale, crete secche e inchiostri su carta, 52x38cm (2002) + testo e canzone omonima già incisa nel 1990.

 

Published on

Strèli – Musicassetta + libro

Elytra Edizioni Musicali, 1990.

(Testo della canzone in dialetto reggiano / inglese)

Come ‘na sbara ed sôl

Ch’la infila un bûs dla fnèstra,

un dî lusèint ed pòulvra

al carèsa al pavimèint dla cambra;

 

mòschi de’d ché,

mòschi de’d là,

se spûden tra scûr e ‘l lòm

cme strèli.

 

Per piasèir n’arvîr i scûr,

gò di ricôrd ch’en polên spetêr,

a’n préss fissêr di fât,

a vôlti sôm sî ôreb o csî alzêr,

 

e alòra via, via de’d ché,

via da sta sitèe

inséma a un treno

ed nõvli.

 

Quand al réder a’n pâsa i dèint

E al parôli ét fânn schermir,

come sâbia sòta i dèint

d’òmen tradî acsé bèin vistî,

 

la mediocritée

léssla in dõ l’ée

l’è ginta ch’la tês

anch quand la pêrla.

 

 

 

Like a bar of sun

Through a crack in the window,

A shining dusty finger

Skimming over the bedroom floor;

 

Flies here and there,

Flies everywhere,

Between darkness and light

Like falling stars.

 

Don’t open the window, please

My memories cannot wait

Couldn’t think of any facts

We’re often so blind and light;

 

Now let’s go away

Far from this town

On a fancy train

Of clouds.

 

When your smile doesn’t come out

And the words make you shiver,

Like sand among your teeth

Of betrayed well dressed men,

 

Let mediocrity

Stay where it is,

They don’t say anything

Even when they speak.

 

Progetto per un'architettura d'ali.

 

(Project for an architecture of wings) 

Inchiostri su carta 30x42cm.

 

AcquaAmbiéz

Nome e Logotipo vincenti del Concorso per la piscina comunale di San Lorenzo in Banale (TN), 2013.

 

Progetto:

ing. Angelo Zani

arch. Moreno Baldessari.

 

Selected by

Elena Maria Pavesi

Michela Santuari

Sandro Flaim

Carlo Adolfo

 

Exhibited at

Piscina comunale di San Lorenzo in Banale (TN)

 

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now